Area e perimetro…con Didone

La leggenda narra che Didone,  figlia del re di Tiro (oggi sud del Libano),  fuggita dalla sua città,  dopo un lungo periodo di navigazione, approda nella baia di Cartagine (sulle sponde dell’attuale Tunisia).  Affascinata dalle bellezze di quella zona, la principessa Didone chiese al re di quel luogo che le fosse concesso un pezzo di terra per fondarvi il proprio regno. Il Re, per dissuaderla, le dona una pelle di bue  dentro cui  potrà costruire la sua città. Per prenderla in giro le dà quindi il permesso di occupare una porzione di terreno contenuta nella pelle.

Astutamente Didone fece tagliare la pelle di bue a strisce sottilissime con le quali formò un filo molto lungo, e delimitò un’area avente come perimetro il nastro che aveva ottenuto ritagliando la pelle. Ottenne così una superficie di terreno con la massima area,  sufficiente a fondare la nuova città che fu chiamata Cartagine.

Proviamo anche noi?

1 – Invece della pelle di bue prendiamo un sacchetto di plastica, osserviamo quanto spazio copre e proviamo a fare  come Didone:

2 – lo ritagliamo a striscioline e  le annodiamo fra loro.

3 – Otteniamo un lungo nastro che misuriamo con la bindella e sostenendolo un metro ciascuno lo portiamo in uno spazio ampio

4 – dove lo possiamo stendere alla massima larghezza  e osservare quanto spazio ora riusciamo a contenere in questo perimetro.

Wow,  furba Didone, ha battuto lo spiritoso Re!

10 responses to this post.

  1. […] Perimetri e aree dunque vengono nominate in questa leggenda, perchè non provare a raccontarla in classe e costruire… come Didone? clicca QUI […]

    Rispondi

  2. Posted by Anonimo on marzo 17, 2012 at 7:42 pm

    ciao maestra
    mi dispiace che quel giorno non c’ero per fare questa attività.
    Spero che le verifiche di matematica siano andate bene😉 .
    Ciaooooooo🙂

    Rispondi

    • Ciao, Vittoria, vuoi rimanere anonima ultimamente? Sono tuoi anche gli altri due commenti senza nome?
      La leggenda di Didone è carina e ci fa pensare un po’ matematicamente. Il filo del “perimetro di Cartagine” è sempre nel cassetto, prendilo e vallo a distendere.🙂
      Buona domenica a tutta la famiglia!

      Rispondi

  3. Posted by vittoria on marzo 18, 2012 at 8:26 am

    maestra mi sono dimenticata di mettere il mio nome e sì ero io quella degli altri commenti, ma adesso ho messo il mio nome.
    Ciaooo e a domani

    Rispondi

  4. Posted by Anonimo on marzo 21, 2012 at 6:05 pm

    ciao maestra è stato bello con la borsa.
    ciao da morena :LOL:

    Rispondi

    • tagliare la borsa di plastica per ricavarne in lungo nastro … un giro in corridoio tutti insieme per andare in uno spazio grande a sufficienza per distendere… il nostro perimetro!
      ciao Morena!

      Rispondi

  5. Posted by Gabriel on aprile 10, 2012 at 10:57 am

    Didone dev’essere stato molto astuto a costruire la sua citta’ sulla pelle di bue e il re dev’essere stato uno sciocco a farsi imbrogliare così😯 e doveva essere molto furioso con Didone😈
    Beato Didone ad essere nato cosiì astuto😆

    Rispondi

  6. Posted by Paola on ottobre 13, 2015 at 10:13 am

    Questa leggenda ci ha colpiti ! Grazie!

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...